la storia

E lvio e Loredana Demaldè iniziano a svolgere la loro attività di vendita di gioielli e bijoux nel 1985 nel piccolo negozio di via Ponte Vetero 22 a Milano, nel quartiere di Brera. Pochissimi metri quadri ospitano migliaia di gioielli, dai bijoux d’epoca e d’autore ai gioielli in oro, argento, metallo e pietre dure: una selezione di anelli, bracciali , spille e orecchini ma soprattutto gemelli da polso.

Elvio Demaldè, diplomato gemmologo IGI, è un vero artista: animato dalla passione per il gioiello crea, scompone, assembla e ripara gioielli nel negozio/laboratorio. Utilizzando gli elementi compositivi dei gioielli d’epoca e più moderni presenti in negozio, è in grado di creare nuovi monili dalle caratteristiche proprie che lo rendono unico per soddisfare il gusto di una clientela particolarmente esigente e amante dell’unicità e dell’esclusività dei gioielli da indossare.

Nel corso degli anni la passione per i gioielli conduce i Demaldè a iniziare una ricerca nel campo dei bijoux d’epoca che li porta ad arricchire la propria conoscenza dei materiali e degli stili di tutte le mode che si sono susseguite dall’Ottocento in poi.

La ricerca non si è limitata solo al mondo femminile: sono stai tra i primi a rivalutare gli accessori da uomo come i gemelli da polso, che erano stati a lungo dimenticati.

Questa continua passione e ricerca ha permesso nel 2001 di collaborare alla stesura del libro “I gemelli da polso” per la collana dei manuali per collezionisti della Federico Motta Editore.

Nel negozio se ne trovano di ogni tipo e tema: dallo sport al logo automobilistico, alla musica, all’America degli anni ’50; gemelli nuovi e d’epoca da fine 800 ai giorni nostri, dai più classici a bottone, a quelli snodati e con le pin-up; modelli con le marche di auto e moto d’epoca, come la mitica Vespa; i gemelli da polso con stemma Savoia e altri militari e coloniali; oltre ai materiali dal cromo alla bakelite, dal corallo agli smalti indiani di inizio 900; esemplari provenienti da New York, Londra e Parigi.

Altrettanto estesa e anche la collezione di bijoux d’epoca di tutto il 900 di cui si è notevolmente arricchita la collezione Demaldè nel corso degli anni e in cui sono rappresentate le migliori firme.

Nel 2004 Loredana Demaldè ha ottenuto il Premio Europeo Donna Terziario quale riconoscimento per l’impegno professionale nel settore terziario.

In tanti anni di attività il negozio è diventato un punto di riferimento per il quartiere di Brera, definito la piccola Montmatre italiana.

I Demaldè vengono subito apprezzati dai media per la creatività e la qualità degli articoli trattati e avviano attive collaborazioni con svariate riviste di moda che scelgono i gioielli Demaldè per i loro servizi di moda e antiquariato. Tra di esse segnaliamo, ad esempio,Vogue Italia, Vogue Japan, Vogue Sposa, Io Donna, ViviMilano, Glamour, Elle, Velvet, Taxi, Grazia, Sposa Bella ecc.

Stringono rapporti con le televisioni private per la produzione di film e programmi televisivi; in particolare con Mediaset - all’ora all’inizio della sua attività - la cui collaborazione durò per decenni. Anche con la Rai ci fu un buon rapporto lavorativo, che si concretizzò nell'utilizzo dei bijoux Demaldè nella produzione di spettacoli presso la storica sede di Corso Sempione.

Anche importanti teatri come la Scala e il Piccolo teatro si avvalgono della loro collaborazione per scegliere gioielli e bijoux che meglio si adattano al contesto storico e stilistico dei loro spettacoli.

Nel mondo del cinema la competenza e la vastità dell’archivio Demaldè li fa scegliere da importanti costumisti. Sono inoltre stati invitati a partecipare alle seguenti mostre ed esibizioni:
• La camelia d’inverno, Umanitaria 2002
• Matrimonio dei sensi, Vogue Sposa - ottobre 2007
• Pelle di Donna, Triennale – gennaio 2012
• Gioielli di Gusto, Palazzo Morandi – settembre 2015

Demaldè è citato in ogni guida che segnala i migliori e più particolari negozi cittadini. Sono molti i Blog che si occupano di segnalare le realtà più originali della città: ad esempio il blog Casa Chiesi attribuisce al negozio Demaldè l’appellativo di “tiny museum” per le migliaia di tipi diversi di gioielli che attraversano il tempo e gli stili. I siti web come Vogue Gioello pubblicano molte volte i loro gioielli e dedicano particolare attenzione al negozio e alla sua esclusiva collezione.